Art 612 codice penale minaccia »

Art. 612 Codice Penale. Minaccia.

612. Minaccia (1).

Chiunque minaccia ad altri un ingiusto danno è punito, a querela della persona offesa [120], con la multa fino a euro 1.032 (2).

Se la minaccia è grave, o è fatta in uno dei modi indicati nell'articolo 339, la pena è della reclusione fino a un anno e si procede d'ufficio.

__________________________________

(1) Si vedano: art. 4, D.Lgs. 28 agosto 2000, n. 274, in tema di competenza penale del giudice di pace e norma transitoria di cui all'art. 64, D.Lgs. 28 agosto 2000, n. 274. Per le ipotesi di reato attribuite alla competenza del giudice di pace si applicano le pene pecuniarie vigenti (art. 521, D.Lgs. 28 agosto 2000, n. 274).

(2) L'art. 1, D.L. 14 agosto 2013, n. 93, conv., con modif, dalla L. 15 ottobre 2013, n. 119, ha sostituito le parole: «fino a euro 51» con le parole: «fino a euro 1.032». Per l'aumento delle pene, se il fatto sia commesso da persona sottoposta a misura di prevenzione, si veda art. 71, D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159, che ha sostituito l'art. 7, c. 1, L. 31 maggio 1965, n. 575. Per ulteriori ipotesi di aumento della pena, si vedano: art. 36, L. 5 febbraio 1992, n. 104 e art. 1, L. 25 marzo 1985, n. 107.

Arresto: non consentito

Fermo: non consentito

Custodia Cautelare in Carcere: non consentita

Altre misure cautelari personali: non consentite

Procedibilità: a querela di parte (1°comma); d'ufficio (2° comma)

GIURISPRUDENZA RILEVANTE:

- Il reato di minaccia è un delitto contro la libertà individuale nel particolare aspetto della libertà psichica ed esso si concreta nel prospettare a taluno un male futuro, il cui avverarsi dipende dalla volontà dell'agente. La forma e il modo della minaccia sono indifferenti. (Cass. 19 giugno 1974 n. 8210). 

- Il reato di minaccia è un reato formale di pericolo per la cui integrazione non è richiesto che il bene tutelato sia realmente leso, bastando che il male prospettato possa incutere timore nel soggetto passivo, menomandone la sfera della libertà morale. La valutazione dell'idoneità della minaccia a realizzare tale finalità va fatta avendo di mira un criterio di medialità che rispecchi le reazioni dell'uomo comune. (Cass. 29 maggio 1992 - 23 luglio 1992 n. 8264). 

- Basta la coscienza e la volontà dell'azione indipendentemente dal fine specifico che il soggetto attivo vuole perseguire nei confronti del soggetto passivo (Cass. 16 gennaio 1957 n. 672).

- Il comportamento costituito nel proferire insulti e minacce in particolare avvalendosi di un coltello puntandolo verso il corpo della persona offesa dicendole che avrebbe tagliato la testa a lei e ai suoi familiari se non l'avesse fatto entrare in casa, integra il reato di minaccia aggravato dall'uso dell'arma. (Trib. Napoli 12 ottobre 2015 n. 12916)

- La gravità della minaccia va accertata avendo riguardo, in particolare, al tenore delle eventuali espressioni verbali ed al contesto nel quale esse si collocano, onde verificare se, ed in quale grado, la condotta minatoria abbia ingenerato timore o turbamento nella persona offesa.  (Cass. pen. 16 giugno 2015 n. 35593).

 

DOMANDE E RISPOSTE

  • La minaccia può anche essere implicita?

?Sì, la minaccia può anche essee implicita e consistere anche nel semplice atteggiamento dell'agente in assenza di parole o di gesti espliciti di intimidazione, purchè risulti ai fini della consumazione del reato che la volontà altrui sia rimasta di fatto coartata.

  • Un mero comportamento può presentare i connotati della minaccia?

?Sì, in tema di minaccia anche un mero comportamento può presentare i connotati della minaccia, in quanto, da un lato, la condotta si inerisca in un contesto reiterato di espressioni di inequivoco contenuto minaccioso e dall'altro, esso risulti oggettivamente caratterizzato da atteggiamenti marcatamente minacciosi.

  • Le frasi pronunciate in forma condizionata integrano la minaccia?

?Sì, integrano la minaccia anche le frasi pronunciate in forma condizionata.

  • Qual'è la differenza tra delitto di minaccia e quello di violenza privata?

?Mentre nella minaccia l'atto intimidatorio è fine a se stesso e per la sussistenza del reato è sufficiente che l'agente ponga in essere la condotta minatoria in senso generale, trattandosi di reato formale con evento di pericolo, immanente nella stessa condotta; nella violenza privata la minaccia (o la violenza fisica) funge da mezzo a fine e occorre che essa sia diretta a constringere taluno a fare, tollerare o omettere qualcosa, con evento non di pericolo, ma di danno, rappresentato dal comprotamento coartato del soggetto passivo, dipendente dall'atto di intimidazione, o di violenza, subito. 

  • Per la sussistenza dell'aggravante l'arma è sufficiente che sia portata a mano?

Sì, nel reato di minaccia per la sussistenza dell'aggravante dell'arma è sufficiente che questa sia portata a mano e non è invece necessario che sia visibile quando il reo proferisca la minaccia facendo il gesto di prelevare l'arma, ad esempio dal cruscotto della macchina. 

  • La minaccia con coltello integra l'ipotesi aggravata di minaccia?

Sì, la minaccia con coltello integra l'ipotesi aggravat di minaccia, sempre che il coltello abbia i caratteri di arma, precisati dall'art. 585 c.p.

  • Una rivoltella scarica basta ad integrare l'aggravante?

?Sì, anche una rivoltella scarica basta ad integrare l'aggravante. L'uso di un'arma apparente può essere considerato equivalente all'uso di un'arma reale, specialmente quando il gesto intimidatorio compiuto con l'arma non vera sia accompagnato da espressioni tali da far pensare a un'immediata possibilità di uso del mezzo apparentemente lesivo.

  • La zappa può considerarsi arma per l'aggravante?

?No, la minaccia commessa adoperando una zappa non è aggravata per l'uso di arma, non potendo la zappa considerarsi arma neppure impropria, in quanto non è compresa fra gli strumenti il cui porto è vietato senza giustificato motivo. E' ugualmente grave poichè detto arnese è comunque un mezzo di offesa idoneo a cagionare conseguenze molto gravi.

  • L'aggravante dell'arma sussiste in caso di arma giocattolo?

Sì, l'aggravante dell'arma sussiste anche quando si tratta di un'arma giocattolo se questa è priva del tappo rosso oppure seppur esistente esso sia occultato, anche solo temporaneamente, in modo da non renderlo visibile alla persona offesa.

  • Proferire insulti per mezzo di sms costituisce minaccia?

Sì, costituisce minaccia.

  • E' necessario che il male prospettato si verifichi?

?No, l'art. 612 c.p. che incrimina il reato di minaccia delinea un reato di pericolo per la cui integrazione non è richiesto che il bene tutelato sia realmente leso mediante l'incussione di timore nella vittima. E' sufficiente che il male prospettato sia idoneo a incutere timore nel soggetto passivo, menomandone, per ciò solo, la sfera della libertà morale.

Ai fini dell'integrazione del reato di minaccia, non occorre che il soggetto passivo si sia sentito effettivamente intimidito, essendo sufficiente che la condotta posta in essere dall'agente sia potenzialmente idonea ad incidere sulla libertà psichica dello stesso. Trib. Roma 3 marzo 2016 n. 2928

  • Rapporto fra il reato di maltrattamenti in famiglia e atti persecutori. 

In tema di rapporti fra il reato di maltrattamenti in famiglia e quello di atti persecutori (art. 612-bis, c.p.), salvo il rispetto della clausola di sussidiarietà prevista dall'art. 612-bis, comma primo, c.p.. - che rende applicabile il più grave reato di maltrattamenti quando la condotta valga ad integrare gli elementi tipici della relativa fattispecie - è invece configurabile l'ipotesi aggravata del reato di atti persecutori (prevista dall'art. 612-bis, comma secondo c.p.) in presenza di comportamenti che, sorti nell'ambito di una comunità familiare (o a questa assimilata), ovvero determinati dalla sua esistenza e sviluppo, esulino dalla fattispecie dei maltrattamenti per la sopravvenuta cessazione del vincolo familiare ed affettivo o comunque della sua attualità temporale. Cass. pen. 21 aprile 2016 n. 17719

  • Gravità della minaccia.

La gravità della minaccia va accertata - nella prospettiva di verificare se, ed in quale grado, essa abbia ingenerato timore o turbamento nella persona offesa - avendo riguardo a tutte le modalità della condotta e, in particolare, al tenore delle eventuali espressioni verbali e al contesto nel quale esse si collocano. Confermata la condanna dell'uomo che, mediante un messaggio inviato sul profilo facebook, minacciava la compagna, pronunciando, tra l'altro nei suoi confronti espressioni quali "se mi tolgono il bambino, vi ammazzo", atteso che la persona offesa era stata legata all'imputato da una relazione dalla quale era nato un figlio e, a seguito di un grave episodio nel quale era stata minacciata con un coltello, si era trasferita dai propri genitori con il bambino. Cass. pen. 1 aprile 2016 n. 16145

Agli effetti del reato di cui all'art. 612, comma 2, c.p., la gravità della minaccia deve essere accertata valutando l'entità del turbamento psichico causato al soggetto passivo, che si desume dalla gravità del male minacciato, dalle circostanze nelle quali la minaccia è fatta, nonché dalle condizioni particolari in cui si trovino il soggetto attivo e la persona offesa. Trib. Firenze 8 gennaio 2016 n. 62

  • L'invio al datore di lavoro della vittima di filmini a luci rosse costituisce molestia?

Sì. L'invio al datore di lavoro della vittima di lettera anonima contenente allusioni alla moralità della dipendente nonché foto e DVD che ritraggono la stessa nuda e nell'atto di compiere un rapporto sessuale costituisce molestia idonea a cagionare un grave e perdurante stato d'ansia nella vittima, in relazione all'ampiezza, alla durata e alla carica dispregiativa della condotta criminosa. Cass. pen. 16 marzo 2016 n. 12208

  • L'espressione "ti restano pochi giorni" ha valenza diffamatoria?

Deve ritenersi che l'espressione "ti restano pochi giorni", correttamente contestualizzata ed avuto riguardo anche alle qualità personali dei soggetti coinvolti ed all'esistenza tra loro di meri dissapori per ordinarie questioni condominiali, è priva di reale valenza diffamatoria, non potendo neppure escludersi che avesse finalità di mera suggestione, per ovvia possibilità di essere recepita come connotata da capacità iettatoria. Cass. pen. 3 marzo 2016 n. 15646

  • La minaccia può essere integrata anche ad esempio da uno scritto anonimo?

La minaccia (art. 612 cod. pen.) può essere integrata anche dal riferimento indiretto o allusivo, contenuto in uno scritto anonimo, a possibili obiettivi da colpire nell'ambito degli interessi ed affetti del destinatario, essendo anche in tale forma idonea a coartarne la libertà morale. Cass. pen. 6 ottobre 2015 n. 463

 

SE SEI INTERESSATO AL REATO DI MINACCIA CONSULTA ANCHE:

- DIRITTO PENALE. L'uso di espressioni "colorite" puಠimplicare per il datore di lavoro il reato di minaccia. Cass. pen. 8 giugno 2011 n. 22816.

- Art. 65 Codice deontologico forense. Minaccia di azioni alla controparte.

- ILLECITA CONCORRENZA CON MINACCIA O VIOLENZA

 

 



Ti potrebbero anche interessare i seguenti articoli

Fai una domanda

Email: [email protected]

nascosti