Diritto penale le scriminanti nell attivit a sportiva il consenso dell avente diritto l illecito sportivo e il rischio consentito »

DIRITTO PENALE: le scriminanti nell'attivitą  sportiva, il consenso dell'avente diritto, l'illecito sportivo e il rischio consentito.

Avv. Augusto Careni
L’ordinamento giuridico prevede il c.d. “consenso dell’avente diritto” previsto e disciplinato dall’art. 50 c.p., la cui finalità è quella di non perseguire un determinato comportamento qualora il soggetto che abbia subito la lesione di un proprio bene esprima il consenso alla lesione di esso, sempre che si tratti di un bene disponibile.
Il consenso deve in ogni caso rispettare alcuni fondamentali requisiti affinchè possa essere considerato legittimamente espresso: deve essere attuale, libero e informato; deve provenire dal titolare dell’interesse tutelato; deve riguardare un bene come appena detto disponibile, non può quindi oltrepassare la soglia dei diritti inviolabili dell’uomo.
Ammesse sono anche le c.d. scriminanti “tacite”: secondo l’orientamento maggiormente seguito da dottrina e giurisprudenza (teoria dell’azione socialmente adeguata) una condotta umana, anche se in apparenza punibile, non può rivestire rilevanza penale laddove, pur non scriminata da una causa di giustificazione codificata, venga considerata “socialmente adeguata”, ossia conforme alle finalità sociali perseguite da una comunità in un determinato momento storico.
Nell’ambito dell’attività sportiva la carica agonistica può comportare, soprattutto nelle discipline caratterizzate da stretto contatto fisico, lesioni in seguito allo scontro di gioco in danno degli atleti e configurare in astratto a carico del responsabile gli estremi del reato relativo.
La giurisprudenza di legittimità (v. Cass. Pen. n. 2286/2000; 19473/2005) delimita l’esimente ai casi di c.d. “rischio consentito” e cioè strettamente connesso e consequenziale alla pratica sportiva nel rispetto delle regole della stessa.
L’illecito sportivo ricomprende tutti quei comportamenti che, pur sostanziando infrazioni alle regole del gioco, non sono penalmente perseguibili neppure quando risultino pregiudizievoli per l’integrità fisica di un atleta, in quanto non superano la soglia del c.d. “rischio consentito.
· Attività sportiva come scriminante atipica:  attività sportiva come causa di giustificazione non codificata finalizzata al soddisfacimento dell’interesse generale della collettività a svolgere attività sportiva per il potenziamento di giovani e meno giovani e come tale tutelato dallo Stato;
· Rispetto delle regole di gioco e delle norme generali di prudenza e diligenza: si richieda all’atleta di adeguare la propria condotta a norme generali di prudenza e di diligenza;
· Esclusione della scriminante quando si travalica il dovere di lealtà sportiva: laddove si ponga seriamente in pericolo l’incolumità fisica del partecipante esponendolo ad un rischio superiore a quello consentito in quella determinata pratica sportiva ed accettato dal partecipante medio.
La violazione volontaria delle regole del gioco comporta l’esclusione della scriminante quando il fatto lesivo si verifica perché l’atleta viola volontariamente le regole del gioco disattendendo i doveri di lealtà verso l’avversario. In tal caso il fatto non potrà rientrare nella causa di giustificazione, ma sarà penalmente perseguibile.
La natura di tale illecito sarà allora di tipo colposa nel caso di mancato rispetto delle regole del gioco, dolosa laddove la gara sia soltanto l’occasione per procurare una lesione all’avversario.
Dal punto di vista civilistico nel caso di infortunio sportivo, qualora siano derivate lesioni personali ad un partecipante all'attività a seguito di un fatto posto in essere da altro partecipante, il comportamento è pacificamente fonte di illecito civile se il fatto lesivo è dolosamente posto in essere in collegamento di mera occasionalità con la gara. Al di fuori di tale ipotesi, perché vi sia responsabilità risarcitoria civilistica è necessario non solo che sia configurabile la violazione delle regole sportive, ma anche che detta violazione sia posta in essere con modalità di rude violenza o irruenza, sleali o tali da mettere coscientemente a rischio l'incolumità dell'avversario, in modo che venga superato il cosiddetto rischio consentito nell'ambito della normale alea derivante dalla partecipazione all'attività sportiva.

Fai una domanda

nascosti