Chi si introduce in un esercizio commerciale di notte commette il reato di furto in abitazione?

Chi si introduce in un esercizio commerciale di notte commette il reato di furto in abitazione?

In contrasto con la pregressa giurisprudenza sull'argomento, il Tribunale di La Spezia, con la sentenza n. 1026 del 23 settembre 2015, esclude che colui che si introduce all'interno di un esercizio commerciale di notte commetta furto in abitazione.

Il Tribunale di La Spezia si è pronunciato in relazione al furto in abitazione ritenendo che:

Non commette il reato di furto in abitazione chi si introduce all'interno di un esercizio commerciale in orario notturno, trattandosi di locale non adibito in quel momento a privata dimora. Trib. La Spezia n. 1026 del 23 settembre 2015.

La pronuncia, in contrasto con dominante indirizzo giurisprudenziale, prende le mosse da un furto perpetrato in un supermercato

Dai verbali di sommarie informazioni testimoniali alle persone che abitaavno nei pressi del luogo del furto, risultava che i due imputati si muovevano avanti ed indietro in modo sospetto all'altezza del supermercato ove poi veniva perpetrato il furto.

In particolare gli stessi avevano notato che uno dei due ad un certo punto estraeva da una sacca una cesoia e tagliava il lucchetto della serranda del negozio. Compiuta tale operazione, i due si allontanavano, per poi tornare dopo qualche minuto. Aspettavano per alcuni minuti e poi all'improvviso uno dei due entrava all'interno del negozio.

A questo punto venivano avvisati i Carabinieri.

Gli imputati venivano individuati in foto. I Carabinieri intervenivano immediatamente e vedevano due soggetti, gli odierni imputati, corrispondenti alla descrizione fatta dalle persone che avevano fatto la segnalazione al 112, che si mettevano a scappare, entrando alla fine all'interno di un palazzo.

Alla fine i due imputati venivano fermati e trovati in possesso di numerose monete da uno e due centesimi, per un totale di E 5,17, nonchè di due blister di plastica trasparenti (contenitori di monete).

Un socio dipendente del supermercato ove era avvenuto il furto, denunciava nell'immediatezza il furto del denaro presente in negozio, che indicava sul momento in circa 30 euro in monete varie (sottratti da una prima cassa) e circa 100/150 euro (sottratti da una seconda cassa) nonchè due blister contenenti monete da uno e due centesimi.

La titolare del negozio, teste e parte offesa, sentita a dibattimento, ha in realtà ridimensionato l'entità del furto, riferendo che "il denaro alla chiusura del negozio viene portato via e rimangono in cassa solo gli spiccioli".

Uno dei due imputati rendeva dichiarazioni spontanee assumendosi la responsabilità esclusiva del furto.

Tuttavia si è ritenuta provata la responsabilità di entrambi gli imputati in quanto non escludendo affatto la corresponsabilità del coimputato, che svolgeva evidentemente il ruolo di "palo" in quest'ultima fase della vicenda.

Il reato deve essere riqualificato in quello di cui agli artt. 624, 625 c.p..

E' noto come la giurisprudenza abbia affermato che risponde del reato di cui all'art. 624 bis c.p. anche chi compie furti in negozi, in quanto nei negozi si svolge parte della vita privata del titolare, e dunque il negozio può essere considerato luogo di privata dimora.

Il Tribunale ritiene tuttavia di aderire ad una più recente giurisprudenza secondo la quale:

non commette il reato di furto in abitazione chi si introduce all'interno di un esercizio commerciale in orario notturno, trattandosi di locale non adibito in quel momento a privata dimora (Cass. Sez. 4, n. 11490 del 24 gennaio 2013 - dep. 11 marzo 2013; conf. Cass. pen. n. 32026 del 19 febbraio 2014 - dep. 21 luglio 2014). 

Per il Tribunale inoltre:

- sussiste la circostanza aggravante della violenza sule cose, consistita nell'effrazione del lucchetto della saracinesca del negozio;

- sussiste la recidiva contestata, risultando in effetti che le precedenti condanne non abbiano avuto alcun effetto deterrente rispetto alla commissione di ulteriori reati da parte degli imputati;

- si ritengono applicabili le attenuanti generiche ed il bilanciamento delle stesse in termini di equivalenza alle contestate aggravanti ed alla recidiva. Tale bilanciamento si giustifica alla luce delle condizioni personali degli imputati e con riguardo alla somma di denaro che risulta sottratta. Infatti, come già spiegato, la titolare del negozio ha fortemente ridimensionato l'entità del furto, che risulta in effetti provato solo in relazione ai pochi euro, in monete da uno e due centesimi, trovati in possesso dei due imputati.

La decisione del Tribunale.

Valutati, quindi, tutti gli elementi di cui all'art. 133 c.p., pena adeguata al fatto, pare quella di mesi quattro di reclusione e E 120 di multa (pena base, effettuato il predetto bilanciamento di circostanze, mesi sei di reclusione e E 180 di multa; pena ridotta di un terzo per il rito).

Non sussistono, attesi i precedenti penali degli imputati, i presupposti di cui all'art. 164 c.p. per la concessione della sospensione condizionale della pena, formulando, così, una prognosi negativa con riguardo al fatto che i condannati possano, per il futuro, astenersi dal commettere ulteriori reati, anche della stessa specie. Segue la condanna degli imputati al pagamento ?pro-quota? delle spese processuali.

E' in sequestro un cacciavite, in possesso del B. al momento del fatto, da confiscare e distruggere trattandosi di corpo del reato (strumento utilizzato per commettere il reato).

P.Q.M.

Il Tribunale, Visti gli artt.442, 533 e 535 c.p.p., dichiara gli imputati M.B. e R.A. colpevoli del reato ascritto, riqualificato in quello di cui agli artt.624, 625 n.2 c.p., e, concesse le attenuanti generiche equivalenti alla contestata aggravante ed alla recidiva, li condanna alla pena di mesi quattro di reclusione e E 120 di multa , oltre al pagamento ?pro-quota? delle spese processuali.

Visto l'art. 240 c.p., dispone confisca e distruzione di quanto in sequestro

Visto l'art.544 comma 3 c.p.p.

Fissa in giorni 30 il termine per il deposito della sentenza

Così deciso in La Spezia in data 21/09/2015

Depositata in cancelleria il 23/09/2015.

La giurisprudenza dominante in tema di furto in abitazione ha da sempre inteso l'ipotesi di reato di cui all'art. 624 bis c.p. in senso ampio: l'ipotesi di reato delineata dall'art. 624 bis c.p. in tema di furto in abitazione, esplicitamente amplia, attraverso la definizione del luogo come "destinato in tutto o in parte a privata dimora", la portata della previsione, così da comprendere in essa tutti quei luoghi nei quali le persone si trattengono per compiere, anche in modo transitorio e contingente, atti dello loro vita privata (studi professionali, stabilimenti industriali o esercizi commerciali) (Cfr. Cass.n. 43671 del 17 settembre 2003 - 14 novembre 2003)

La giurisprudenza intende infatti la nozione di "privata dimora" più intensa e più ampia di quella di "abitazione": infatti ha sancito l'integrarsi del reato dell'art. 624 bis c.p. la condotta di colui che per commettere un furto si introduca, ad esempio, nello spogliatoio di un risotrante, poichè il concetto di provata dimora - afferma la Corte - è più ampio di quello di abitazione e vi rientra ogni luogo non pubblico che serva all'esplicazione di attivitàè culturali, professionali e politiche (Cfr. Cass. 26 febbraio 2003). 

La giurisprudenza riferita all'art. 625 n. 1 c.p. prima dell'inserimento del reato di furto in abitazione e di furto con strappo ai sensi dell'art. 624 bis c.p.

Il concetto di abitazione, seppur prima del 2001 riferito all'aggravante di cui all'art. 625 n. 1 c.p.,  abbraccia non solo gli ambienti in cui le persone svolgono la normale attività, intesa questa nel senso stretto della parola, ma anche quei locali che, anche se non adibiti a vera e propria abitazione, costituiscono parte integrante del luogo abitato o ne formano immediate appartenenze (Cass. 5 febbraio 1965).

Prima dell'inserimento di un'autonoma ipotesi di reato (art. 624 bis c.p.) la giurisprudenza aveva inteso sussistere l'aggravante del furto in abitazione in caso di furto commesso:

  • nella cantina indiviuata all'interno del corpo del fabbricato in cui abita il proprietario ed annessa quindi ai locali dove si svolge la vita quotidiana e domestica del proprietario;
  • nell'auotorimessa, utilizzata dall'avente diritto per esigenze inerenti alla vita domestica;
  • in un frantoio, direttamente comunicante con i locali abitati dal proprietario e dalla sua famiglia;
  • nei porticati, nei quali sono adibiti le stalle, i pollai e gli attrezzi agricoli;
  • nel cortile dell'edificio adibito ad abitazione;
  • nell'ingresso comune di un edificio e nelle scale, anche nel caso in cui lo stabile sia abitato da più coinquilini;
  • nel giardino annesso alla casa;
  • in una camera d'albergo;
  • nell'ospedale, che costituisce edificio destinato ad abitazione ai sensi dell'art. 625 n. 1 c.p. dal momento che, per la funzione che svolge e per l'organizzazione che lo caratterizza, esso è destinato al ricovero d'una pluralità di persone che, per molteplici ragioni, devono soggiornarvi più o meno stabilmente;
  • nei luoghi di villeggiatura.?

 

LA MASSIMA

Non commette il reato di furto in abitazione chi si introduce all'interno di un esercizio commerciale in orario notturno, trattandosi di locale non adibito in quel momento a privata dimora. Trib. La Spezia n. 1026 del 23 settembre 2015.

VOCI CORRELATE:



Ti potrebbero anche interessare i seguenti articoli

Fai una domanda

nascosti