Diffamazione su facebook: è sempre aggravata perchè leggibile da un numero indeterminato di persone.

Diffamazione su facebook: è sempre aggravata perchè leggibile da un numero indeterminato di persone.

La diffamazione su facebook è sempre aggravata perché leggibile da un numero indeterminato di persone. Cass. Pen. n. 8328 del 1 marzo 2016.

20/05/2016 
di Avv. Augusto Careni

L'uso di una bacheca "facebook" integra un'ipotesi di diffamazione aggravata ai sensi dell'art. 595 c.p., comma 3, poichè la diffusione di un messaggio con le modalità consentite dall'utilizzo per questo di una bacheca facebook ha potenzialmente la capacità di raggiungere un numero indeterminato e, per comune esperienza, apprezzabile di persone.

La comunicazione mediante il mezzo di internet fa presumere una comunicazione potenzialmente rivolta ad un numero interminato di persone, e ciò, di per sé, impone l’ipotesi dell’aggravante qualora le espressioni utilizzate siano diffamatorie.

Nella sentenza n. 8328 depositata il 1 marzo 2016, la Suprema Corte torna a pronunciarsi sul reato di diffamazione commesso a mezzo di internet, ed offrendo un interessante ed ulteriore chiarimento sull’ipotesi aggravata di cui al comma 3 dell’art. 595 c.p.

Come ormai ampiamente chiarito dalla giurisprudenza la comunicazione su internet è per sua natura destinata ad essere normalmente vista in tempi assai ravvicinati da un numero indeterminato di soggetti. In particolare l’uso di una bacheca "facebook" integra un'ipotesi di diffamazione aggravata ai sensi dell'art. 595 c.p., comma 3, poichè la diffusione di un messaggio con le modalità consentite dall'utilizzo per questo di una bacheca facebook, ha potenzialmente la capacità di raggiungere un numero indeterminato di persone, sia perchè, per comune esperienza, bacheche di tal natura racchiudono un numero apprezzabile di persone (senza le quali la bacheca facebook non avrebbe senso), sia perchè l'utilizzo di facebook integra una delle modalità attraverso le quali gruppi di soggetti socializzano le rispettive esperienze di vita, valorizzando in primo luogo il rapporto interpersonale, che, proprio per il mezzo utilizzato, assume il profilo del rapporto interpersonale allargato ad un gruppo indeterminato di aderenti al fine di una costante socializzazione.

Pertanto, secondo i giudici di piazza Cavour, la condotta di postare un commento sulla bacheca facebook realizza la pubblicizzazione e la diffusione di esso, per la idoneità del mezzo utilizzato a determinare la circolazione del commento tra un gruppo di persone, comunque, apprezzabile per composizione numerica, per cui qualora tale commento sia offensivo, la relativa condotta rientra nella condotta tipica ex art. 595, comma 3, c.p.

LA MASSIMA

 In tema di comunicazione a mezzo internet, l’uso di una bacheca Facebook fa presumere una comunicazione potenzialmente rivolta ad un numero interminato di persone, e ciò, di per sé, impone l’ipotesi dell’aggravante ex comma III dell’art. 595 c.p. qualora le espressioni utilizzate siano diffamatorie. Cass. Pen. n. 8328 del 1 marzo 2016. Conformi: Cass. Pen. n. 24431/2015; n. 16262/2008; n. 35511/2010; n. 44126/2011



Ti potrebbero anche interessare i seguenti articoli

nascosti