Art 393 codice penale esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza alle persone »

Art. 393 Codice Penale. Esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza alle persone.

393. Esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza alle persone.

Chiunque, al fine indicato nell'articolo precedente, e potendo ricorrere al giudice [c.p.c. 99], si fa arbitrariamente ragione da sé medesimo usando violenza o minaccia alle persone, è punito, a querela dell'offeso, con la reclusione fino a un anno [c.p. 120, 126; c.p.p. 336].

Se il fatto è commesso anche con violenza sulle cose [c.p. 392], alla pena della reclusione è aggiunta la multa fino a euro 206 (1).

La pena è aumentata [c.p. 63, 64] se la violenza o la minaccia alle persone è commessa con armi [c.p. 585] (2).

-----------------------

(1) La multa risulta così aumentata, da ultimo, ai sensi dell'art. 113, L. 24 novembre 1981, n. 689, che modifica il sistema penale.

(2) In materia di armi vedi la L. 23 dicembre 1974, n. 694; gli artt. 18 e 20, L. 22 maggio 1975, n. 152, e la L. 10 maggio 1976, n. 342.

nascosti