Art 2843 codice civile annotazione di cessione di surrogazione e di altri dispositivi del credito »

Art. 2843 Codice Civile. Annotazione di cessione, di surrogazione e di altri dispositivi del credito.

2843. Annotazione di cessione, di surrogazione e di altri atti dispositivi del credito. (1)

La trasmissione o il vincolo dell'ipoteca per cessione [c.c. 1260], surrogazione [c.c. 1201, 2856, 2857], pegno [c.c. 2800], postergazione di grado o costituzione in dote [c.c. 178] (2) del credito ipotecario [c.c. 1260], nonché per sequestro [c.c. 2906; c.p.c. 670], pignoramento [c.c. 2861, 2913; c.p.c. 543] o assegnazione [c.c. 2925; c.p.c. 554, 671] del credito medesimo si deve annotare in margine all'iscrizione dell'ipoteca [c.c. 2679, n. 4].

La trasmissione o il vincolo dell'ipoteca non ha effetto finché l'annotazione non sia stata eseguita. Dopo l'annotazione l'iscrizione non si può cancellare senza il consenso dei titolari dei diritti indicati nell'annotazione medesima e le intimazioni o notificazioni che occorrono in dipendenza dell'iscrizione devono essere loro fatte nel domicilio eletto [c.c. 2839, n. 2, 2882].

Per l'annotazione deve essere consegnata al conservatore copia del titolo e, qualora questo sia una scrittura privata o un atto formato in paese estero, si applicano le disposizioni degli articoli 2835 e 2837 [c.c. 2842; disp. att. c.c. 54; disp. att. c.c. 225].

-----------------------

(1) Vedi il D.Lgs. 31 ottobre 1990, n. 347, sulle imposte ipotecaria e catastale.

(2) Vedi, anche, l'art. 166-bis c.c., aggiunto dalla L. 19 maggio 1975, n. 151, sulla riforma del diritto di famiglia, che vieta ogni convenzione avente scopo la costituzione di beni in dote.

Stampa articolo

Fai una domanda

nascosti