Art 474 codice penale introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi »

Art. 474 Codice Penale. Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi.

474. Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi.

Fuori dei casi di concorso nei reati previsti dall’articolo 473 [c.p. 4], chiunque introduce nel territorio dello Stato, al fine di trarne profitto, prodotti industriali con marchi o altri segni distintivi, nazionali o esteri, contraffatti o alterati è punito con la reclusione da uno a quattro anni e con la multa da euro 3.500 a euro 35.000 [c.p.p. 31].

Fuori dei casi di concorso nella contraffazione, alterazione, introduzione nel territorio dello Stato, chiunque detiene per la vendita, pone in vendita o mette altrimenti in circolazione, al fine di trarne profitto, i prodotti di cui al primo comma è punito con la reclusione fino a due anni e con la multa fino a euro 20.000.

I delitti previsti dai commi primo e secondo sono punibili a condizione che siano state osservate le norme delle leggi interne, dei regolamenti comunitari e delle convenzioni internazionali sulla tutela della proprietà intellettuale o industriale [c.p. 474-bis, 474-ter, 474-quater] (1).

-----------------------

(1) Articolo prima modificato dall’art. 113, L. 24 novembre 1981, n. 689 e poi così sostituito dalla lettera b) del comma 1 dell’art. 15, L. 23 luglio 2009, n. 99. Sulla protezione del diritto d'autore vedi la L. 22 aprile 1941, n. 633 e il relativo regolamento di esecuzione approvato con il R.D. 18 maggio 1942, n. 1369. Sulla tutela di marchi di fabbrica vedi l'art. 1, R.D. 21 giugno 1942, n. 929 e il D.P.R. 8 maggio 1948, n. 795. Vedi, anche, l’art. 16 della suddetta Legge n. 99/2009 e l’art. 25-bis, D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231, come modificato dalla lettera a) del comma 7 dell’art. 15, L. 23 luglio 2009, n. 99.

Fai una domanda

nascosti