Art 424 codice penale danneggiamento seguito da incendio »

Art. 424 Codice Penale. Danneggiamento seguito da incendio.

424. Danneggiamento seguito da incendio.

Chiunque, al di fuori delle ipotesi previste nell'articolo 423-bis, al solo scopo di danneggiare [c.p. 635] la cosa altrui, appicca il fuoco a una cosa propria o altrui è punito, se dal fatto sorge il pericolo di un incendio, con la reclusione da sei mesi a due anni [c.p. 28] (1).

Se segue l'incendio, si applicano le disposizioni dell'articolo 423, ma la pena è ridotta da un terzo alla metà (2) [c.p. 63, 449].

Se al fuoco appiccato a boschi, selve e foreste, ovvero vivai forestali destinati al rimboschimento, segue incendio, si applicano le pene previste dall'articolo 423-bis (3) (4).

-----------------------

(1) Comma così modificato dall'art. 1, D.L. 4 agosto 2000, n. 220 (Gazz. Uff. 7 agosto 2000, n. 183), convertito in legge, con modificazioni, dall'art. 1, L. 6 ottobre 2000, n. 275 (Gazz. Uff. 7 ottobre 2000, n. 235). La medesima modifica è stata successivamente disposta dall'art. 11, L. 21 novembre 2000, n. 353 legge-quadro in materia di incendi boschivi.

(2) Comma così modificato dall'art. 1, D.L. 4 agosto 2000, n. 220 (Gazz. Uff. 7 agosto 2000, n. 183), convertito in legge, con modificazioni, dall'art. 1, L. 6 ottobre 2000, n. 275 (Gazz. Uff. 7 ottobre 2000, n. 235). La medesima modifica è stata successivamente disposta dall'art. 11, L. 21 novembre 2000, n. 353 legge-quadro in materia di incendi boschivi.

(3) Comma aggiunto dall'art. 11, L. 21 novembre 2000, n. 353, legge-quadro in materia di incendi boschivi. In precedenza anche l'art. 1, comma 4, D.L. 4 agosto 2000, n. 220 (Gazz. Uff. 7 agosto 2000, n. 183) aveva disposto l'inserimento di un comma, dopo il secondo, al presente articolo, nella medesima formulazione, ma il suddetto comma 4 era stato soppresso dalla legge 6 ottobre 2000 n. 275 di conversione.

(4) Le pene stabilite per i delitti previsti in questo articolo sono aumentate da un terzo alla metà se il fatto è commesso da persona sottoposta con provvedimento definitivo ad una misura di prevenzione durante il periodo previsto di applicazione e sino a tre anni dal momento in cui ne è cessata l'esecuzione (art. 7, L. 31 maggio 1965, n. 575, recante disposizioni contro la mafia, come modificato dall'art. 7, L. 11 agosto 2003, n. 228).

Stampa articolo

Ti potrebbero anche interessare i seguenti articoli

Fai una domanda

nascosti