Art 61 codice penale circostanze aggravanti comuni »

Art. 61 Codice Penale. Circostanze aggravanti comuni.

Art. 61. Circostanze aggravanti comuni 

[I]. Aggravano il reato, quando non ne sono elementi costitutivi o circostanze aggravanti speciali (1)  [15, 68], le circostanze seguenti [5783, 5792]:

1) l'avere agito per motivi abietti o futili [5761 n. 2, 5771 n. 4];

2) l'aver commesso il reato per eseguirne od occultarne un altro [12c c.p.p.], ovvero per conseguire o assicurare a sé o ad altri il prodotto o il profitto o il prezzo ovvero la impunità di un altro reato [5761 n. 1];

3) l'avere, nei delitti colposi [43], agito nonostante la previsione dell'evento;

4) l'avere adoperato sevizie, o l'aver agito con crudeltà verso le persone [5761 n. 2, 5771 n. 4];

5) l'avere profittato di circostanze di tempo, di luogo o di persona, anche in riferimento all'età, tali da ostacolare la pubblica o privata difesa; (2)

6) l'avere il colpevole commesso il reato durante il tempo, in cui si è sottratto volontariamente alla esecuzione di un mandato o di un ordine di arresto o di cattura o di carcerazione, spedito per un precedente reato [5761 n. 3, 5851; 296 c.p.p.];

7) l'avere, nei delitti contro il patrimonio [624-648-ter; 1135-1149 c. nav.], o che comunque offendono il patrimonio, ovvero nei delitti determinati da motivi di lucro [242, 4812], cagionato alla persona offesa dal reato un danno patrimoniale di rilevante gravità;

8) l'avere aggravato o tentato di aggravare le conseguenze del delitto commesso;

9) l'avere commesso il fatto con abuso dei poteri, o con violazione dei doveri inerenti a una pubblica funzione o a un pubblico servizio, ovvero alla qualità di ministro di un culto;

10) l'avere commesso il fatto contro un pubblico ufficiale [357] o una persona incaricata di un pubblico servizio [358], o rivestita della qualità di ministro del culto cattolico o di un culto ammesso nello Stato, ovvero contro un agente diplomatico o consolare di uno Stato estero, nell'atto o a causa dell'adempimento delle funzioni o del servizio;

11) l'avere commesso il fatto con abuso di autorità o di relazioni domestiche, ovvero con abuso di relazioni di ufficio, di prestazione d'opera, di coabitazione, o di ospitalità [6463, 649];

11-bis) l'avere il colpevole commesso il fatto mentre si trova illegalmente sul territorio nazionale;  (3)

11-ter) l'aver commesso un delitto contro la persona ai danni di un soggetto minore all'interno o nelle adiacenze di istituti di istruzione o di formazione;  (4)

11-quater) l'avere il colpevole commesso un delitto non colposo durante il periodo in cui era ammesso ad una misura alternativa alla detenzione in carcere;  (5)

11-quinquies) l'avere, nei delitti non colposi contro la vita e l'incolumità individuale e contro la libertà personale, commesso il fatto in presenza o in danno di un minore di anni diciotto ovvero in danno di persona in stato di gravidanza;  (6)

11-sexies) l'avere, nei delitti non colposi, commesso il fatto in danno di persone ricoverate presso strutture sanitarie o presso strutture sociosanitarie residenziali o semiresidenziali, pubbliche o private, ovvero presso strutture socio-educative (7) .

11-septies) l'avere commesso il fatto in occasione o a causa di manifestazioni sportive o durante i trasferimenti da o verso i luoghi in cui si svolgono dette manifestazioni (8) .

_____________________

(1) Per particolari aggravanti v. gli artt. 61-bis, 270-bis.1, 416-bis.1 c.p.

(2) Numero così modificato, dall'art. 1, comma 7, della l. 15 luglio 2009, n. 94. Il testo precedente era il seguente: «5) l'avere profittato di circostanze di tempo, di luogo o di persona tali da ostacolare la pubblica o privata difesa; ».

(3) La Corte cost., con sentenza 8 luglio 2010, n. 249, ha dichiarato l'illegittimità costituzionale di tale numero, che è stato inserito dall'art. 1 del d.l. 23 maggio 2008, n. 92, conv., con modif., dalla legge 24 luglio 2008, n. 125. Ai sensi dell'art. 1 della l. 15 luglio 2009, n. 94, tale disposizione si intende riferita ai cittadini di Paesi non appartenenti all'Unione europea e agli apolidi.

(4) Numero inserito dall'art. 3, comma 20, della l. 15 luglio 2009, n. 94.

(5) Numero inserito dall'art. 3 l. 26 novembre 2010, n. 199.

(6) Le parole «e contro la libertà personale,» sono state sostituite alle parole «, contro la libertà personale nonchè del delitto di cui all'articolo 572,» dall'art. 9, comma 1, l. 19 luglio 2019, n. 69, in vigore dal 9 agosto 2019. Precedentemente il presente numero è stato  inserito, in sede di conversione, dall'art. 1, d.l. 14 agosto 2013, n. 93, conv., con modif., dalla l. 15 ottobre 2013, n. 119.

(7) Numero aggiunto dall'art. 14, comma 1, l. 11 gennaio 2018, n. 3.

(8) Numero aggiunto dall'art. 16, comma 1, lett. a), d.l. 14 giugno 2019, n. 53, conv., con modif, in l. 8 agosto 2019, n. 77, in vigore dal 15 giugno 2019.

GIURISPRUDENZA RILEVANTE

  • Il dolo d'impeto, designando un dato meramente cronologico consistente nella repentina esecuzione di un proposito criminoso improvvisamente insorto, non è incompatibile con la circostanza aggravante della crudeltà di cui all'art. 61, comma 1, n. 4, c.p. Cass. pen. Sez. Un. 23 giugno 2016, n. 40516
  • La circostanza aggravante della crudeltà, di cui all'art. 61, comma 1, n. 4, c. p., è di natura soggettiva ed è caratterizzata da una condotta eccedente rispetto alla normalità causale, che determina sofferenze aggiuntive ed esprime un atteggiamento interiore specialmente riprovevole, che deve essere oggetto di accertamento alla stregua della modalità della condotta e di tutte le circostanze del caso concreto, comprese quelle afferenti alle note impulsive del dolo. Cass. pen., Sez. Un. 23 giugno 2016, n. 40516
  • L'incalzante agire aggressivo, proprio della reiterazione dei colpi, può in qualche caso essere spiegato dalla concitazione e dalla rabbia, tratti impulsivi della condotta. Cass. pen., Sez. Un., 23 giugno 2016, n. 40516
  • La circostanza aggravante dell'aver agito con crudeltà, di cui all'art. 61, comma 1, n. 4, c.p., ha natura soggettiva e non è incompatibile con il dolo d'impeto. Cass. pen., Sez. Un. 23 giugno 2016, n. 40516
  • Nella circostanza aggravante di cui all'art. 61, primo comma, n. 4, cod. pen., per "sevizie" deve intendersi una condotta studiata e specificamente finalizzata a cagionare sofferenze ulteriori e gratuite, rispetto alla "normalità causale" del delitto perpetrato; si ha invece "crudeltà" quando l'inflizione di un male aggiuntivo, che denota la spietatezza della volontà illecita manifestata dall'agente, non è frutto di una sua scelta operativa preordinata. Cass. pen., Sez. Un. 23 giugno 2016, n. 40516
  • La dichiarazione di illegittimità costituzionale dell'art. 61, n. 11-bis c.p., ad opera della sentenza della C. cost. n. 249 del 2010, impedisce che sia eseguita la porzione di pena, irrogata con sentenza irrevocabile, corrispondente all'applicazione della circostanza aggravante prevista da tale norma, spettando al giudice dell'esecuzione individuare la porzione di pena da eliminare. Cass. pen. Sez. Un., 29 maggio 2014, n. 42858
  • In tema di elemento soggettivo del reato, il dolo eventuale ricorre quando l'agente si sia chiaramente rappresentata la significativa possibilità di verificazione dell'evento concreto e ciò nonostante, dopo aver considerato il fine perseguito e l'eventuale prezzo da pagare, si sia determinato ad agire comunque, anche a costo di causare l'evento lesivo, aderendo ad esso, per il caso in cui si verifichi; ricorre invece la colpa cosciente quando la volontà dell'agente non è diretta verso l'evento ed egli, pur avendo concretamente presente la connessione causale tra la violazione delle norme cautelari e l'evento illecito, si astiene dall'agire doveroso per trascuratezza, imperizia, insipienza, irragionevolezza o altro biasimevole motivo. Cass. pen., Sez. Un. 24 aprile 2014, n. 38343
  • V'è continuità normativa, quanto al pubblico ufficiale, tra la previgente concussione per costrizione e il novellato art. 317 c.p., la cui formulazione è del tutto sovrapponibile, sotto il profilo strutturale, alla prima, con l'effetto che, in relazione ai fatti pregressi, va applicato il più favorevole trattamento sanzionatorio previsto dalla vecchia norma; così come vi è tra la concussione per induzione di cui al previgente art. 317 c.p., e il nuovo reato di induzione indebita a dare o promettere utilità di cui all'art. 319 quater c.p., considerato che la pur prevista punibilità, in quest'ultimo, del soggetto indotto non ha mutato la struttura dell'abuso induttivo, ferma restando l'applicazione del più favorevole trattamento sanzionatorio di cui alla nuova norma. Quanto all'incaricato di pubblico servizio, le condotte di concussione per costrizione integranti prima della riforma l'art. 317 c.p., che attualmente non lo comprende più tra i soggetti attivi, sono in continuità normativa, sotto il profilo strutturale, con altre fattispecie incriminatrici di diritto comune, quali, a seconda dei casi concreti, l'estorsione, la violenza privata, la violenza sessuale (art. 629, 610 e 609 bis, con l'aggravante di cui all'art. 61, comma 1 n. 9, c.p.). Cass. pen., Sez. Un., 24 ottobre 2013, n. 12228
  • Il giudice di appello, dopo aver escluso una circostanza aggravante o riconosciuto un'ulteriore circostanza attenuante in accoglimento dei motivi proposti dall'imputato, può, senza incorrere nel divieto di "reformatio in peius", confermare la pena applicata in primo grado, ribadendo il giudizio di equivalenza tra le circostanze, purchè questo sia accompagnato da adeguata motivazione. Cass. pen., Sez. Un., 18 aprile 2013, n. 33752
  • Allorché siano contestate, in relazione al medesimo reato, le circostanze aggravanti di aver agito sia al fine di agevolare l'attività di un'associazione di tipo mafioso, sia per motivi abietti, le due circostanze concorrono se quella comune, nei termini fattuali della contestazione e dell'accertamento giudiziale, risulta autonomamente caratterizzata da un quid pluris rispetto alla finalità di consolidamento del prestigio e del predominio sul territorio del gruppo malavitoso.  Cass. pen., Sez. Un., 18 dicembre 2008, n. 337
  • Ricorre, per la spregevolezza del fatto secondo il comune sentire, la circostanza aggravante del motivo abietto in relazione all'omicidio commesso, su ordine del capo di un gruppo mafioso, in danno di chi abbia intrapreso una relazione sentimentale con una donna già a lui legata da analogo rapporto, per mero spirito punitivo, dettato da intolleranza per la libertà di autodeterminazione della donna stessa, rifiutatasi di soggiacere alla sua volontà, e per la conseguente perdita sia del dominio fino ad allora esercitato su di lei, sia del prestigio criminale . Cass. pen., Sez. Un., 18 dicembre 2008, n. 337
  • Con riferimento alle circostanze attenuanti ed aggravanti, i reati uniti dal vincolo della continuazione conservano la loro autonomia e si considerano come reati distinti; ne consegue che - rispetto all'aggravante della rilevanza economica del pregiudizio patrimoniale e alle attenuanti della speciale tenuità e dell'intervenuto risarcimento - l'entità del danno e l'efficacia della condotta riparatoria devono essere valutate in relazione ad ogni singolo reato e non al complesso di tutti i fatti illeciti avvinti dal vincolo della continuazione. Cass. pen., Sez. Un., 27 novembre 2008, n. 3286
  • Nel caso di reato continuato, la circostanza aggravante del danno patrimoniale di rilevante gravità (art. 61, n. 7, c.p.) e le circostanze attenuanti della speciale tenuità (art. 62, n. 4, c.p.) e della integrale riparazione del danno (art. 62, n. 6, c.p.) si applicano solo ai reati cui si riferiscono. Cass. pen., Sez. Un., 27 novembre 2008,  n. 3286
  • I reati uniti dal vincolo della continuazione, con riferimento alle circostanze attenuanti ed aggravanti, conservano la loro autonomia e si considerano come reati distinti. Ne consegue che - rispetto all'aggravante della rilevanza economica del pregiudizio patrimoniale (art. 61, n. 7, c.p.) e dalle attenuanti della speciale tenuità (art. 62, n. 4, c.p.) e dell'intervenuto risarcimento (art. 62, n. 6, c.p.) - l'entità del danno e l'efficacia della condotta riparatoria devono essere valutate in relazione ad ogni singolo reato e non al complesso di tutti i fatti illeciti avvinti dal vincolo della continuazione. Cass. pen. Sez. Un., 27 novembre 2008, n. 3286
  • La differenza fra il reato di peculato e quello di truffa aggravata ex art. 61, n. 9, c.p., va ravvisata nel fatto che nel primo caso il possesso della cosa è un antecedente della condotta e gli artifici, i raggiri o la falsa documentazione eventualmente posti in essere non incidono sulla struttura della fattispecie incriminatrice, ma servono a occultarla; nel secondo caso, invece, la condotta fraudolenta è predisposta al fine di consentire al soggetto agente di entrare in possesso della cosa, in vista della successiva condotta appropriativa. Cass. pen., Sez. Un., 25 ottobre 2005, n. 5135
  • In tema di oltraggio, l'abrogazione degli art. 341 e 344 c.p., disposta dall'art. 18 l. 25 giugno 1999, n. 205, integra un'ipotesi di "abolitio criminis" disciplinata dall'art. 2 comma 2 c.p., con la conseguenza che, se vi è stata condanna, ne cessano esecuzione ed effetti penali e la relativa sentenza deve essere revocata, ai sensi dell'art. 673 c.p.p., dal giudice dell'esecuzione, al quale non è consentito modificare l'originaria qualificazione o accertare il fatto in modo difforme da quello ritenuto in sentenza, riqualificando come ingiuria aggravata dalla qualità del soggetto passivo (art. 594 e 61 n. 10 c.p.) la condotta contestata come oltraggio e rideterminando, in relazione alla nuova fattispecie penale, la pena già irrogata. Cass. pen., Sez. Un., 27 giugno 2001, n. 29023
  • Una circostanza aggravante deve essere ritenuta, oltre che riconosciuta, anche come applicata, non solo allorquando nella realtà giuridica di un processo viene attivato il suo effetto tipico di aggravamento della pena, ma anche quando se ne tragga, ai sensi dell'art. 69 cod. pen., un altro degli effetti che le sono propri e cioè quello di paralizzare un'attenuante, impedendo a questa di svolgere la sua funzione di concreto alleviamento della pena irroganda per il reato. Invece non è da ritenere applicata l'aggravante solo allorquando, ancorché riconosciuta la ricorrenza dei suoi estremi di fatto e di diritto, essa non manifesti concretamente alcuno degli effetti che le sono propri a cagione della prevalenza attribuita all'attenuante la quale non si limita a paralizzarla, ma la sopraffà, in modo che sul piano dell'afflittività sanzionatoria l'aggravante risulta "tamquam non esset"Cass. pen., Sez. Un., 18 giugno 1991, n. 17
  • Successivamente alle sentenze della Corte costituzionale n. 26 del 1979 e n. 102 del 1982, in un fatto di insubordinazione con violenza mediante lesione personale nei confronti di un superiore, avente la qualità di pubblico ufficiale, è da ravvisare il concorso formale tra il delitto di resistenza a pubblico ufficiale ed il reato militare di lesione personale (avuto riguardo, quanto a quest'ultimo, alla qualità militare del soggetto attivo e dell'offeso); la configurabilità ulteriore di un nesso teleologico e della relativa aggravante in ordine al reato militare di lesione personale determina la cognizione di entrambi i reati da parte dell'autorità giudiziaria ordinaria.Cass. pen., Sez. Un., 26 ottobre 1985
  • Dato il dolo specifico del furto, consistente nel fine di trarne profitto per sè o per altri, non ne è elemento essenziale il materiale conseguimento del profitto stesso. Qualora l'agente attraverso altra e successiva attività, consegua o si proponga di conseguire un'ulteriore utilità, questa si prospetta come un "quid pluris" e può costituire altro reato, senza la circostanza aggravante comune del nesso teleologico. Nella fattispecie di furto militare di munizioni da guerra e di porto abusivo di tali munizioni da parte di un militare, consegue in ordine alla giurisdizione - anche se quella circostanza aggravante non risulti esplicitamente contestata, poiché la sua presenza, se sussistente, comporterebbe la giurisdizione militare per ambedue i reati - il riconoscimento di quest'ultima per il furto militare e di quella del giudice ordinario per il porto abusivo di armi da guerra. Cass. pen., Sez. Un., 26 novembre 1983
  • Mentre le circostanze indicate negli artt. 61 n. 7 e 62 n. 4 c.p. hanno riguardo a reati la cui oggettività giuridica afferisce al patrimonio, l'attenuante di cui all'art. 62 n. 6 dello stesso codice attiene al danno che, indipendentemente dall'offesa all'interesse tutelato, può derivare da qualsiasi reato. Invero essa trova ragione unicamente in una diminuita capacità di delinquere del colpevole dimostrata dal comportamento successivo al reato. Ne deriva che quest'ultima circostanza, a differenza di quelle menzionate negli artt. 61 n. 7 e 62 n. 4 c.p., è del tutto svincolata dall'oggettività giuridica del reato rispetto al quale va applicata. Cass. pen., Sez. Un., 29 ottobre 1983
  • Ancorché risulti omessa da parte del giudice ordinario la contestazione dell'aggravante di cui all'art. 61 n. 2 c.p., il cui schema è riprodotto nel n. 2 dell'art. 45 c.p.p. (connessione teleologica), non può escludersi l'influenza attrattiva del reato comune nei confronti di quello militare e la conseguente devoluzione dell'intera questione all'autorità ordinaria, ai sensi dell'art. 264 c.p.m.p. Cass. pen., Sez. Un., 19 giugno 1982
  • Non può ritenersi escluso dall'amnistia concessa con d.P.R. 18 dicembre 1981 n. 744 il delitto di falsità in assegno bancario aggravato ai sensi dell'art. 61 n. 2 c.p. in quanto finalizzato alla commissione di una truffa in danno di una Cassa di risparmio. L'esclusione oggettiva prevista dall'art. 2 lett. e) d.P.R. n. 744 del 1981 infatti riguarda i reati contro la pubblica amministrazione intesi in senso tecnico, cioè quelli previsti dal titolo II del libro II c.p. Cass. pen., Sez. Un., 17 aprile 1982
  • L'omessa contestazione dell'aggravante del nesso teleologico non esclude l'influenza attrattiva sul reato militare da parte di quello comune perché ciò che rileva ai fini della giurisdizione prevalente dell'autorità giudiziaria ai sensi dell'art. 264 c.p.m.p., come modificato dall'art. 8 l. 23 marzo 1956 n. 167, è la sussistenza oggettiva della connessione teleologica ex art. 45 n. 2 c.p.p. Cass. pen., Sez. Un., 30 maggio 1981
  • L'influenza attrattiva del reato militare in quello comune, con conseguente competenza preferenziale dell'autorità giudiziaria ordinaria, si verifica nei casi di connessione di cui all'art. 45 n. 2 c.p.p., i quali corrispondono allo schema giuridico delineato dall'art. 61 n. 2 dello stesso codice  Cass. pen., Sez. Un. 13 gennaio 1979

 



Ti potrebbero anche interessare i seguenti articoli

Fai una domanda

nascosti