Art 652 codice penale rifiuto di prestare la propria opera in occasione di un tumulto »

Art. 652 Codice Penale. Rifiuto di prestare la propria opera in occasione di un tumulto.

652. Rifiuto di prestare la propria opera in occasione di un tumulto. (1)

Chiunque, in occasione di un tumulto o di un pubblico infortunio o di un comune pericolo [c.p. 422] (2) ovvero nella flagranza di un reato [c.p.p. 382] rifiuta, senza giusto motivo, di prestare il proprio aiuto o la propria opera, ovvero di dare le informazioni o le indicazioni che gli siano richieste da un pubblico ufficiale [c.p. 357] o da una persona incaricata di un pubblico servizio [c.p. 358], nell'esercizio delle funzioni o del servizio,è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria da euro 5.000 a euro 15.000 (3)(5).

Se il colpevole dà informazioni o indicazioni mendaci, è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria da euro 6.000 a euro 18.000 (4) (6).

-----------------------

(1) Vedi il R.D.L. 9 dicembre 1926, n. 2389, in materia di calamità pubbliche.

(2) Vedi il R.D.L. 9 dicembre 1926, n. 2389, in materia di calamità pubbliche.

(3) L'ammenda risulta così aumentata, da ultimo, ai sensi dell'art. 113, L. 24 novembre 1981, n. 689, che modifica il sistema penale. La Corte costituzionale, con sentenza 9-15 luglio 1959, n. 49 (Gazz. Uff. 18 luglio 1959, n. 171), ha dichiarato non fondata la questione di legittimità della prima parte del presente articolo, in riferimento all'art. 13 Cost., prima parte.

(4) L'ammenda risulta così aumentata, da ultimo, ai sensi dell'art. 113, L. 24 novembre 1981, n. 689, che modifica il sistema penale. La Corte costituzionale, con sentenza 9-15 luglio 1959, n. 49 (Gazz. Uff. 18 luglio 1959, n. 171), ha dichiarato non fondata la questione di legittimità della prima parte del presente articolo, in riferimento all'art. 13 Cost., prima parte.

(5) Comma così modificato dal D.Lgs. 15 gennaio 2016 n. 8, pubblicato in G.U. n. 17 del 22 gennaio 2016 avente ad oggetto "Disposizioni in materia di depenalizzazione, a norma dell'art.2, comma 2, della legge 28 aprile 2014 n. 67"

(6) Comma così modificato dal D.Lgs. 15 gennaio 2016 n. 8, pubblicato in G.U. n. 17 del 22 gennaio 2016 avente ad oggetto "Disposizioni in materia di depenalizzazione, a norma dell'art.2, comma 2, della legge 28 aprile 2014 n. 67"

Stampa articolo

Fai una domanda

nascosti