Corte cost n 232 del 16 23 luglio 2013 processo penale misure cautelari violenza sessuale di gruppo g u n 31 del 31 luglio 2013 8348 »

Corte Cost. n. 232 del 16-23 luglio 2013. Processo penale, misure cautelari, violenza sessuale di gruppo. G.U. n. 31 del 31 luglio 2013.

                       LA CORTE COSTITUZIONALE

composta dai signori: 

Presidente:Franco GALLO; 
Giudici :Luigi MAZZELLA, Gaetano SILVESTRI, Sabino CASSESE,  Giuseppe
  TESAURO,  Paolo  Maria  NAPOLITANO,  Giuseppe   FRIGO,   Alessandro
  CRISCUOLO, Paolo GROSSI,  Giorgio  LATTANZI,  Aldo  CAROSI,  Sergio
  MATTARELLA, Mario Rosario MORELLI, Giancarlo CORAGGIO,
 ha pronunciato la seguente 
                             SENTENZA 
    nel giudizio di legittimita'  costituzionale  dell'articolo  275,
comma 3, del codice di procedura penale, come modificato dall'art.  2
del decreto-legge 23 febbraio 2009, n. 11 (Misure urgenti in  materia
di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale,  nonche'
in tema di atti persecutori), convertito,  con  modificazioni,  dalla
legge 23 aprile 2009, n.  38,  promosso  dal  Tribunale  di  Salerno,
sezione riesame, nel procedimento penale a carico di  S.F.  ed  altri
con ordinanza del 21 agosto 2012, iscritta al  n.  240  del  registro
ordinanze 2012 e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
n. 43, prima serie speciale, dell'anno 2012. 
    Udito nella camera di consiglio del  3  luglio  2013  il  Giudice
relatore Giorgio Lattanzi. 
                          Ritenuto in fatto 
    Con ordinanza depositata il 21  agosto  2012  (r.o.  n.  240  del
2012), il Tribunale di Salerno, sezione  riesame,  ha  sollevato,  in
riferimento agli articoli 3, 13, primo comma, e  27,  secondo  comma,
della  Costituzione,   questione   di   legittimita'   costituzionale
dell'articolo 275, comma 3, del  codice  di  procedura  penale,  come
modificato dall'articolo 2 del decreto-legge 23 febbraio 2009, n.  11
(Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto  alla
violenza sessuale, nonche' in tema di atti persecutori),  convertito,
con modificazioni, dalla legge 23 aprile 2009, n. 38, nella parte  in
cui «impone l'applicazione della misura della custodia  cautelare  in
carcere», in relazione al delitto di cui all'articolo 609-octies  del
codice penale. 
    Il giudice rimettente riferisce che con ordinanza del  10  giugno
2011 era stata applicata ad alcune persone, cui era addebitato  anche
il delitto previsto dall'art. 600-bis, secondo comma, cod.  pen.,  la
misura cautelare della custodia in carcere in relazione al delitto di
violenza sessuale di gruppo. A tre degli indagati era  contestata  la
partecipazione  «in  funzione  essenzialmente  di  istigatori  e   di
spettatori» a un «singolo episodio di violenza sessuale  di  gruppo»,
diverso per ciascuno di essi, in  cui  «proprio  il  fidanzato  della
persona offesa» aveva svolto «un ruolo fondamentale nella costrizione
e nella esecuzione del rapporto sessuale», al quale, in  tre  diverse
occasioni, gli altri indagati avevano assistito. 
    Il giudice del riesame aveva escluso per uno  degli  indagati  la
sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza e - oltre  a  confermare
la misura detentiva applicata a un quarto indagato - aveva  disposto,
per gli altri, la sostituzione della custodia  cautelare  in  carcere
con  gli   arresti   domiciliari,   prospettando   un'interpretazione
costituzionalmente orientata dell'art. 275, comma 3, cod. proc. pen.,
incentrata  sulle  ragioni  poste  a  fondamento  della  sentenza  di
illegittimita'  costituzionale  n.   265   del   2010   della   Corte
costituzionale e sull'omogeneita' del bene protetto sia dai  reati  a
sfondo sessuale presi in considerazione da  tale  pronuncia  sia  dal
delitto di cui all'art. 609-octies cod. pen. 
    La Corte di cassazione aveva annullato con rinvio l'ordinanza del
Tribunale  del  riesame,  ritenendo,  in  particolare,  illogica   la
motivazione  relativa   all'insussistenza   dei   gravi   indizi   di
colpevolezza nei confronti di uno degli indagati. 
    Investito nuovamente, a seguito del rinvio disposto  dalla  Corte
di cassazione, il giudice  rimettente,  da  un  lato,  sottolinea  la
sussistenza  dei  gravi  indizi   di   colpevolezza   nei   confronti
dell'indagato per il quale la precedente decisione li  aveva  esclusi
e, dall'altro, conferma  la  valutazione  circa  l'adeguatezza  della
misura degli arresti domiciliari gia' applicata agli  altri  indagati
in sostituzione della custodia cautelare in  carcere  originariamente
disposta. Al riguardo il Tribunale del riesame osserva che la  misura
degli arresti  domiciliari  «restringendo  l'indagato  in  un  ambito
familiare/coniugale, comportando  gia'  un  pregnante  controllo  del
soggetto e la preclusione di ogni situazione  extraconiugale,  appare
gia' adeguata a neutralizzare del tutto il pericolo  di  reiterazione
di reati della stessa specie di quelli per i quali si procede». 
    Con riferimento a quest'ultimo profilo,  pero',  il  giudice  del
riesame  ritiene  che  non  sia  piu'  possibile   un'interpretazione
costituzionalmente orientata dell'art.  275  cod.  proc.  pen.,  come
quella adottata dalla Corte di cassazione (terza sezione  penale,  n.
4377 del 20  gennaio  2012),  secondo  cui  la  presunzione  prevista
dall'art. 275, comma 3, cod. proc.  pen.  anche  per  il  delitto  di
violenza sessuale di gruppo dovrebbe essere  interpretata  alla  luce
della sentenza n. 265 del 2010 della Corte costituzionale, sicche' il
giudice avrebbe l'obbligo di valutare anche rispetto a  tale  delitto
se siano stati acquisiti elementi specifici dai quali risulti che  le
esigenze cautelari  possono  essere  soddisfatte  con  altre  misure.
Infatti, sottolinea il giudice a quo, la  successiva  sentenza  della
Corte costituzionale n. 110 del 2012  ha  affermato  che  la  lettera
dell'art. 275, comma 3, cod. proc. pen. non consente di conseguire in
via interpretativa l'effetto che solo una pronuncia di illegittimita'
costituzionale puo' produrre. 
    Rivalutati  sia   il   quadro   cautelare   sia   l'idoneita'   e
l'adeguatezza della misura  cautelare  applicata  agli  indagati,  il
giudice rimettente mette in luce  la  rilevanza  della  questione  di
legittimita' costituzionale dell'art. 275, comma 3, cod. proc.  pen.,
nella parte in cui per il delitto di  cui  all'art.  609-octies  cod.
pen. prevede una  presunzione  assoluta  di  adeguatezza  della  sola
misura cautelare della  custodia  in  carcere.  La  questione  stessa
sarebbe, inoltre, non manifestamente infondata  in  riferimento  agli
artt. 3,  13,  primo  comma,  e  27,  secondo  comma,  Cost.:  estesa
dall'art.  2,  comma  1,  del  decreto-legge  n.  11  del  2009,   la
presunzione in esame, osserva il  rimettente,  e'  stata  oggetto  di
varie   pronunce   di   illegittimita'   costituzionale.   Pienamente
estensibili  alla  fattispecie  in  esame  sarebbero  le  motivazioni
addotte  dalla  Corte  costituzionale  con  tali   pronunce   e,   in
particolare, con la sentenza  n.  265  del  2010  (in  considerazione
dell'omogeneita' del bene protetto  dalle  norme  relative  ai  reati
sessuali oggetto di questa sentenza rispetto al delitto  di  violenza
sessuale di gruppo, per il quale si procede nel giudizio a  quo):  la
norma censurata sarebbe, quindi,  in  contrasto  con  i  principi  di
uguaglianza e di ragionevolezza (art. 3 Cost.), con il  principio  di
inviolabilita' della liberta' personale (art. 13, primo comma, Cost.)
e con la presunzione di non colpevolezza  (art.  27,  secondo  comma,
Cost.), che «portano ad individuare nel "minor sacrificio necessario"
il criterio che deve informare  la  materia  delle  misure  cautelari
personali e a considerare che le restrizioni della liberta' personale
dell'indagato o dell'imputato  nel  corso  del  procedimento  debbono
assumere  connotazioni  chiaramente  differenziate  da  quelle  della
pena».
                       Considerato in diritto 
    1.-  Il  Tribunale  di  Salerno,  sezione  riesame,  dubita,   in
riferimento agli articoli 3, 13, primo comma, e  27,  secondo  comma,
della Costituzione, della legittimita'  costituzionale  dell'articolo
275, comma  3,  del  codice  di  procedura  penale,  come  modificato
dall'articolo 2 del decreto-legge 23 febbraio  2009,  n.  11  (Misure
urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza
sessuale, nonche' in  tema  di  atti  persecutori),  convertito,  con
modificazioni, dalla legge 23 aprile 2009, n. 38, nella parte in  cui
«impone l'applicazione  della  misura  della  custodia  cautelare  in
carcere» per il delitto di  violenza  sessuale  di  gruppo  (articolo
609-octies del codice penale). 
    Ad  avviso  del  rimettente  sarebbero  riferibili   anche   alla
fattispecie in questione le ragioni che hanno indotto questa Corte  a
dichiarare  costituzionalmente  illegittima  la  norma  censurata  in
relazione ad alcuni delitti a sfondo sessuale (sentenza  n.  265  del
2010), al delitto di omicidio volontario (sentenza n. 164 del 2011) e
al delitto  di  associazione  finalizzata  al  traffico  illecito  di
sostanze stupefacenti  o  psicotrope  (sentenza  n.  231  del  2011),
nonche' la presunzione assoluta prevista dall'art. 12,  comma  4-bis,
del decreto legislativo 25 luglio 1998, n.  286  (Testo  unico  delle
disposizioni concernenti  la  disciplina  dell'immigrazione  e  norme
sulla condizione dello straniero) in relazione ad  alcune  figure  di
favoreggiamento delle immigrazioni  illegali  (sentenza  n.  331  del
2011). 
    Esclusa     la     praticabilita'      di      un'interpretazione
costituzionalmente orientata, il  Tribunale  di  Salerno  ritiene  la
norma censurata in contrasto con  i  principi  di  uguaglianza  e  di
ragionevolezza (art. 3 Cost.), con  il  principio  di  inviolabilita'
della liberta' personale (art. 13,  primo  comma,  Cost.)  e  con  la
presunzione di non colpevolezza  (art.  27,  secondo  comma,  Cost.),
principi che portano a individuare nel «"minor sacrificio necessario"
il criterio che deve informare  la  materia  delle  misure  cautelari
personali»  e  a  considerare  che  «le  restrizioni  della  liberta'
personale dell'indagato o dell'imputato nel  corso  del  procedimento
debbono assumere connotazioni  chiaramente  differenziate  da  quelle
della pena». 
    2.- La questione e' fondata in riferimento ai  parametri  evocati
dal rimettente e nei termini di seguito specificati. 
    3.- In via preliminare, deve rilevarsi la correttezza della  tesi
del rimettente che esclude la praticabilita', nel caso in  esame,  di
un'interpretazione   costituzionalmente   orientata    della    norma
sospettata di illegittimita' costituzionale. Infatti, questa Corte ha
piu' volte affermato che  «l'univoco  tenore  della  norma  segna  il
confine in presenza del quale il tentativo interpretativo deve cedere
il passo al sindacato di legittimita' costituzionale» (sentenza n. 78
del 2012) e, a proposito della presunzione assoluta dettata dall'art.
275, comma 3, cod. proc. pen.,  ha  gia'  ritenuto  che  le  parziali
declaratorie di illegittimita' costituzionale della norma  impugnata,
relative esclusivamente ai reati oggetto delle varie pronunce, non si
possono estendere alle altre fattispecie criminose  ivi  disciplinate
(sentenza n. 110 del 2012). 
    4.- La norma censurata e' frutto  della  stratificazione  di  una
serie di interventi legislativi:  particolare  rilievo  e'  rivestito
dalla novella del 2009 (art. 2, comma  1,  lettere  a  e  a-bis,  del
decreto-legge n. 11 del 2009), che ha esteso la disciplina introdotta
nel 1995 per i delitti di cui all'art. 416-bis cod. pen.  o  commessi
avvalendosi delle  condizioni  previste  dal  predetto  art.  416-bis
ovvero al fine di agevolare l'attivita' delle  associazioni  previste
dallo stesso articolo (art. 5, comma 1, della legge 8 agosto 1995, n.
332, recante «Modifiche al codice di  procedura  penale  in  tema  di
semplificazione dei procedimenti, di misure cautelari e di diritto di
difesa») a numerose altre fattispecie penali,  tra  le  quali  quelle
individuate attraverso il riferimento ai delitti di cui all'art.  51,
commi 3-bis e 3-quater, cod. proc. pen.  Espressamente  previsto  nel
terzo periodo dell'art. 275, comma 3, cod. proc. pen. e'  il  delitto
di cui all'art. 609-octies cod. pen. (violenza sessuale  di  gruppo),
assoggettato, come le altre figure  delittuose  indicate,  al  regime
cautelare speciale salvo  che  ricorrano  le  circostanze  attenuanti
contemplate dalle relative disposizioni. 
    Con la sentenza n. 265 del 2010, questa Corte ha gia'  dichiarato
l'illegittimita' costituzionale della disposizione  censurata,  nella
parte in cui configura una presunzione assoluta - anziche' relativa -
di adeguatezza  della  sola  custodia  in  carcere  a  soddisfare  le
esigenze cautelari nei confronti della  persona  raggiunta  da  gravi
indizi di colpevolezza per i reati di  induzione  alla  prostituzione
minorile  o  di  favoreggiamento  o  sfruttamento  della  stessa,  di
violenza sessuale e di atti sessuali con  minorenne  (artt.  600-bis,
primo comma, 609-bis e 609-quater cod. pen.). Ad analoga declaratoria
di illegittimita' costituzionale questa Corte e'  poi  pervenuta  nei
riguardi della medesima disposizione, nella parte in cui assoggetta a
presunzione  assoluta  anche  il  delitto  di   omicidio   volontario
(sentenza n. 164 del 2011), il delitto di associazione finalizzata al
traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope (sentenza  n.
231 del 2011), il delitto di associazione per  delinquere  realizzato
allo scopo di commettere i delitti previsti dagli  artt.  473  e  474
cod. pen. (sentenza n. 110 del 2012) e i delitti commessi avvalendosi
delle condizioni previste dall'art. 416-bis cod. pen. ovvero al  fine
di agevolare l'attivita' delle  associazioni  previste  dallo  stesso
articolo  (sentenza  n.  57  del  2013).  Inoltre,  questa  Corte  ha
dichiarato l'illegittimita' costituzionale dell'art. 12, comma 4-bis,
del d.lgs. n. 286 del 1998, recante una disciplina analoga  a  quella
contenuta nell'art. 275, comma 3, secondo e terzo periodo, cod. proc.
pen. (sentenza n. 331 del 2011). 
    Nelle decisioni richiamate, e' stato rilevato come, alla luce dei
principi costituzionali di riferimento - segnatamente,  il  principio
di inviolabilita' della liberta' personale  (art.  13,  primo  comma,
Cost.) e la presunzione di non colpevolezza (art. 27, secondo  comma,
Cost.) - la disciplina delle misure cautelari debba  essere  ispirata
al criterio del «minore sacrificio necessario»: la compressione della
liberta' personale deve essere, pertanto, contenuta  entro  i  limiti
minimi indispensabili a soddisfare le  esigenze  cautelari  del  caso
concreto. Cio' impegna il legislatore, da una parte, a strutturare il
sistema cautelare secondo il  modello  della  «pluralita'  graduata»,
predisponendo  una  gamma  di  misure   alternative,   connotate   da
differenti  gradi  di  incidenza   sulla   liberta'   personale,   e,
dall'altra, a prefigurare criteri per scelte «individualizzanti»  del
trattamento cautelare, parametrate sulle esigenze configurabili nelle
singole  fattispecie  concrete.  A  questi  canoni  si  conforma   la
disciplina generale del codice  di  procedura  penale,  basata  sulla
tipizzazione di  un  «ventaglio»  di  misure  di  gravita'  crescente
(articoli da 281 a 285) e sulla correlata enunciazione del  principio
di «adeguatezza» (art. 275, comma 1), in applicazione  del  quale  il
giudice e' tenuto a scegliere la misura meno  afflittiva  tra  quelle
astrattamente idonee a soddisfare le esigenze  cautelari  ravvisabili
nel caso concreto e, conseguentemente,  a  far  ricorso  alla  misura
"massima" (la custodia cautelare in carcere) solo quando  ogni  altra
misura risulti inadeguata (art. 275, comma 3, primo periodo). 
    Da tali coordinate si discosta vistosamente la disciplina dettata
dal secondo e dal terzo periodo del comma 3 dell'art. 275 cod.  proc.
pen., che stabilisce, rispetto ai soggetti raggiunti da gravi  indizi
di  colpevolezza  per  taluni  delitti,  una   duplice   presunzione,
relativa,  quanto  alla  sussistenza  delle  esigenze  cautelari,   e
assoluta, quanto alla scelta della misura, reputando  il  legislatore
adeguata, ove la presunzione relativa non risulti  vinta,  unicamente
la custodia cautelare in carcere, senza alcuna possibile alternativa.
A tale proposito,  questa  Corte  ha  ribadito  che  «le  presunzioni
assolute,  specie  quando  limitano  un  diritto  fondamentale  della
persona, violano il principio di eguaglianza, se  sono  arbitrarie  e
irrazionali,  cioe'  se  non  rispondono   a   dati   di   esperienza
generalizzati,  riassunti  nella  formula  dell'id   quod   plerumque
accidit» e che «l'irragionevolezza della presunzione assoluta si puo'
cogliere tutte le volte in cui sia  "agevole"  formulare  ipotesi  di
accadimenti reali contrari alla generalizzazione posta a  base  della
presunzione stessa» (sentenza  n.  139  del  2010,  richiamata  dalle
decisioni sopra citate). 
    5.-  Il  delitto  di  violenza  sessuale  di  gruppo   e'   stato
configurato  quale  fattispecie  autonoma  rispetto  al  delitto   di
violenza sessuale con la legge 15 febbraio 1996, n. 66 (Norme  contro
la violenza sessuale); come ha rilevato questa Corte, «l'esigenza  di
prevedere  un'autonoma  ipotesi  di  reato  rispetto  alla   violenza
sessuale monosoggettiva e di sanzionarla con  una  pena  piu'  severa
trova  ragione,  sul  terreno   della   politica   criminale,   nella
constatazione che l'aggressione commessa  da  piu'  persone  riunite,
oltre a comportare una piu' intensa lesione del bene  della  liberta'
sessuale  a  causa  della  prevedibile  reiterazione  degli  atti  di
violenza, vanifica le possibilita' di difesa e  di  resistenza  della
vittima e la espone a forme di degradazione  e  di  reificazione  che
rendono piu'  grave  e  profondo  il  trauma  psichico  che  comunque
consegue a qualsiasi episodio di violenza sessuale» (sentenza n.  325
del 2005). Vale dunque, a maggior ragione, per il delitto di violenza
sessuale di gruppo la considerazione svolta a proposito dei reati  di
induzione  alla  prostituzione   minorile,   di   favoreggiamento   o
sfruttamento della stessa, di violenza sessuale e  di  atti  sessuali
con minorenne (artt. 600-bis, primo comma, 609-bis e 609-quater  cod.
pen.) dalla sentenza n. 265 del 2010 di questa Corte,  ossia  che  si
tratta di delitti «odiosi e riprovevoli». Del resto, il  rilievo  che
quella determinata dalla violenza sessuale di gruppo e' una  «lesione
particolarmente grave e traumatica della sfera di  autodeterminazione
della liberta' sessuale della  vittima»  ha  contribuito  a  condurre
questa Corte ad escludere che l'omessa previsione dell'attenuante dei
"casi di minore  gravita'",  prevista  per  il  delitto  di  violenza
sessuale dall'ultimo comma dell'art. 609-bis cod. pen., possa  essere
ritenuta «espressione  di  una  scelta  del  legislatore  palesemente
irragionevole, arbitraria o  ingiustificata»  (sentenza  n.  325  del
2005). 
    6.- La  particolare  intensita'  della  lesione  del  bene  della
liberta' sessuale determinata dalla violenza sessuale di  gruppo  ha,
quindi,  indotto  il  legislatore,  per  un  verso,   a   configurare
un'autonoma   fattispecie   incriminatrice,    delineata    dall'art.
609-octies cod. pen., e  a  comminare  una  pena  di  maggior  rigore
rispetto a quella di cui all'art. 609-bis cod.  pen.,  e,  per  altro
verso, a non prevedere la circostanza attenuante dei "casi di  minore
gravita'". Tuttavia, la «piu' intensa lesione del bene della liberta'
sessuale» (sentenza n. 325  del  2005)  ricollegabile  alla  violenza
sessuale di gruppo - se ha orientato le opzioni del legislatore nella
prospettiva della definizione di un severo trattamento  sanzionatorio
- non offre un fondamento giustificativo costituzionalmente valido al
regime cautelare speciale previsto dalla  norma  censurata.  Infatti,
sono riferibili anche alla fattispecie  in  esame  le  considerazioni
svolte da questa Corte  a  proposito  della  presunzione  de  qua  in
rapporto   al   delitto   di    omicidio    volontario:    nonostante
l'indiscutibile gravita' del fatto, che «pesera' opportunamente nella
determinazione  della  pena  inflitta  all'autore,  quando   ne   sia
riconosciuta in via definitiva la colpevolezza», anche nel caso della
violenza sessuale di gruppo, cosi' come in quello  dell'omicidio,  la
presunzione assoluta di cui si discute non e' rispondente a  un  dato
di esperienza generalizzato, ricollegabile alla «struttura stessa»  e
alle  «connotazioni  criminologiche»  della  figura  criminosa,   non
trattandosi di un «reato che implichi o  presupponga  necessariamente
un vincolo di appartenenza permanente a un  sodalizio  criminoso  con
accentuate caratteristiche di pericolosita'  -  per  radicamento  nel
territorio,   intensita'   dei   collegamenti   personali   e   forza
intimidatrice - vincolo che solo la misura piu' severa  risulterebbe,
nella generalita' dei casi, in grado di  interrompere»  (sentenza  n.
164 del 2011). 
    Ne'  puo'  argomentarsi,  nel  senso  della  legittimita'   della
presunzione  assoluta  in  questione,  sulla   base   del   carattere
necessariamente plurisoggettivo del delitto di violenza  sessuale  di
gruppo.  Questa  Corte,  infatti,  ha  gia'  affermato,  come  si  e'
ricordato,  l'illegittimita'  costituzionale  del  regime   cautelare
speciale di cui all'art. 275, comma 3, cod. proc. pen., in  relazione
ad alcune fattispecie associative (sentenze n. 110 del 2012,  n.  231
del 2011), mentre  ha  ritenuto  «assistita  da  adeguato  fondamento
razionale  la  presunzione  de  qua  in  rapporto   al   delitto   di
associazione  di   tipo   mafioso»,   sottolineando   che   esso   e'
«normativamente   connotato    -    di    riflesso    a    un    dato
empirico-sociologico - come quello  in  cui  il  vincolo  associativo
esprime una forza di intimidazione e condizioni di assoggettamento  e
di omerta', che da quella derivano, per conseguire  determinati  fini
illeciti. Caratteristica essenziale e' proprio tale specificita'  del
vincolo, che, sul piano  concreto,  implica  ed  e'  suscettibile  di
produrre, da un lato,  una  solida  e  permanente  adesione  tra  gli
associati,  una  rigida  organizzazione  gerarchica,  una   rete   di
collegamenti  e  un  radicamento  territoriale  e,  dall'altro,   una
diffusivita' dei  risultati  illeciti,  a  sua  volta  produttiva  di
accrescimento della  forza  intimidatrice  del  sodalizio  criminoso»
(sentenza n.  231  del  2011).  E'  di  tutta  evidenza  la  profonda
differenza tra il paradigma punitivo ritenuto idoneo  a  giustificare
la presunzione assoluta in esame  e  la  connotazione  normativa  del
delitto di cui all'art. 609-octies cod. pen., in relazione  al  quale
la giurisprudenza di legittimita' ha chiarito la  differenza  tra  la
nozione  di   gruppo   e   quella   di   associazione,   quest'ultima
ricollegabile  al  requisito  della   apposita   creazione   di   una
organizzazione, sia pure minima e rudimentale (Corte  di  cassazione,
terza sezione penale, sentenza 3 giugno  1999,  n.  11541).  Se  alla
differenza  della  nozione   di   gruppo   rispetto   a   quella   di
organizzazione - quest'ultima, peraltro, ancora insufficiente, di per
se' sola, ad assicurare la tenuta costituzionale della presunzione in
esame  -  si  aggiunge  la  considerazione   che,   per   consolidato
orientamento della giurisprudenza di legittimita', il delitto di  cui
all'art.  609-octies  cod.  pen.  puo'  perfezionarsi  anche  con  il
concorso di due sole  persone,  ossia  con  un  numero  di  partecipi
inferiore a quello necessario alla configurazione di qualsiasi figura
di  associazione   per   delinquere,   emerge   l'inidoneita'   della
fattispecie criminosa della violenza sessuale di gruppo a  rispondere
a «dati di esperienza generalizzati, riassunti nella formula  dell'id
quod plerumque accidit» (sentenza n. 139  del  2010),  in  forza  dei
quali riconoscere la legittimita' della presunzione assoluta  di  cui
alla norma censurata. 
    E' da aggiungere una considerazione sulla sfera applicativa della
figura delittuosa delineata dall'art. 609-octies  cod.  pen.  per  il
tramite del richiamo agli atti sessuali di cui all'art. 609-bis  cod.
pen. L'ampia portata di quest'ultima fattispecie, che e' frutto della
concentrazione in un'unica norma incriminatrice delle «fattispecie di
violenza carnale e di  atti  di  libidine  violenti,  rispettivamente
previste negli artt. 519  e  521  del  testo  originario  del  codice
penale»  e  che,  pertanto,  abbraccia  «una  gamma  assai  vasta  di
comportamenti,  caratterizzati  dall'idoneita'  a  incidere  comunque
sulle facolta' della persona offesa di  autodeterminarsi  liberamente
nella propria sfera sessuale» (sentenza n. 325 del 2005), si riflette
sulla fattispecie  di  violenza  sessuale  di  gruppo,  ulteriormente
dilatata  dall'inapplicabilita'  a  quest'ultima  della   circostanza
attenuante dei "casi di minore gravita'" (art. 609-bis, terzo  comma,
cod. pen.). Di conseguenza, anche tenendo conto  dell'esclusione  dal
regime cautelare speciale delle ipotesi attenuante  di  cui  all'art.
609-octies, quarto comma, cod. pen., vale a fortiori per  il  delitto
di violenza sessuale di gruppo il rilievo svolto da questa  Corte  in
relazione alla violenza sessuale ex art. 609-bis cod. pen., ossia che
la  fattispecie  criminosa  gia'  in  astratto  comprende   «condotte
nettamente differenti quanto a modalita' lesive del  bene  protetto»,
il  che  «rende  anche  piu'  debole  la  "base   statistica"   della
presunzione assoluta considerata» (sentenza n. 265 del 2010). 
    7.- Deve, pertanto, concludersi che  la  norma  censurata  e'  in
contrasto sia con l'art. 3 Cost., per  l'irrazionale  assoggettamento
ad un medesimo regime cautelare delle diverse  ipotesi  riconducibili
alla fattispecie in esame e per  l'ingiustificata  parificazione  dei
procedimenti relativi al delitto di violenza  sessuale  di  gruppo  a
quelli concernenti delitti caratterizzati dalla "struttura"  e  dalle
"connotazioni criminologiche" tipiche del  delitto  di  cui  all'art.
416-bis cod. pen.; sia con  l'art.  13,  primo  comma,  Cost.,  quale
referente fondamentale del regime ordinario  delle  misure  cautelari
privative della liberta'  personale;  sia,  infine,  con  l'art.  27,
secondo  comma,  Cost.,  in  quanto  attribuisce   alla   coercizione
processuale tratti funzionali tipici della pena. 
    Come questa Corte ha gia' precisato, cio' che vulnera i parametri
costituzionali richiamati non e' la presunzione in  se',  ma  il  suo
carattere assoluto, che implica una indiscriminata e totale negazione
di rilevanza al principio  del  «minore  sacrificio  necessario».  La
previsione, invece, di una presunzione solo relativa  di  adeguatezza
della custodia carceraria - atta a realizzare una semplificazione del
procedimento probatorio, suggerita da aspetti ricorrenti del fenomeno
criminoso considerato, ma comunque superabile da  elementi  di  segno
contrario - non eccede i  limiti  di  compatibilita'  costituzionale,
rimanendo per tale verso non censurabile l'apprezzamento  legislativo
circa la ordinaria configurabilita' di esigenze cautelari  nel  grado
piu' intenso (sentenze n. 57 del 2013; n. 110 del 2012;  n.  331,  n.
231 e n. 164 del 2011; n. 265 del 2010). 
    Va,   pertanto,   dichiarata   l'illegittimita'    costituzionale
dell'art.  275,  comma  3,  terzo  periodo,  cod.  proc.  pen.,  come
modificato dall'articolo 2 del decreto-legge n. 11  del  2009,  nella
parte in cui - nel prevedere che, quando sussistono gravi  indizi  di
colpevolezza in ordine al delitto di  cui  all'art.  609-octies  cod.
pen., e' applicata la custodia cautelare in carcere, salvo che  siano
acquisiti elementi dai quali  risulti  che  non  sussistono  esigenze
cautelari - non fa salva, altresi', l'ipotesi in cui siano  acquisiti
elementi specifici, in relazione al caso concreto, dai quali  risulti
che le  esigenze  cautelari  possono  essere  soddisfatte  con  altre
misure.      
                         per questi motivi 
                       LA CORTE COSTITUZIONALE 
    dichiara l'illegittimita' costituzionale dell'articolo 275, comma
3, terzo periodo, del codice di  procedura  penale,  come  modificato
dall'articolo 2 del decreto-legge 23 febbraio  2009,  n.  11  (Misure
urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza
sessuale, nonche' in  tema  di  atti  persecutori),  convertito,  con
modificazioni, dalla legge 23 aprile 2009, n. 38, nella parte in  cui
- nel prevedere che, quando sussistono gravi indizi  di  colpevolezza
in ordine al  delitto  di  cui  all'articolo  609-octies  del  codice
penale, e' applicata la custodia  cautelare  in  carcere,  salvo  che
siano  acquisiti  elementi  dai  quali  risulti  che  non  sussistono
esigenze cautelari - non fa salva, altresi', l'ipotesi in  cui  siano
acquisiti elementi specifici, in  relazione  al  caso  concreto,  dai
quali risulti che le esigenze cautelari  possono  essere  soddisfatte
con altre misure. 
    Cosi' deciso in Roma,  nella  sede  della  Corte  costituzionale,
Palazzo della Consulta, il 16 luglio 2013. 
                                F.to: 
                      Franco GALLO, Presidente 
                     Giorgio LATTANZI, Redattore 
                   Gabriella MELATTI, Cancelliere 
    Depositata in Cancelleria il 23 luglio 2013. 
                   Il Direttore della Cancelleria 
                       F.to: Gabriella MELATTI 
Stampa articolo

Fai una domanda

nascosti