Art. 672 Codice Penale. Omessa custodia e mal governo di animali.

672. Omessa custodia e mal governo di animali.

Chiunque lascia liberi, o non custodisce con le debite cautele [c.c. 2052] (1), animali pericolosi da lui posseduti, o ne affida la custodia a persona inesperta, è punito con la sanzione amministrativa da euro 25 a euro 258 (2).

Alla stessa sanzione (3)soggiace:

1. chi, in luoghi aperti, abbandona a se stessi animali da tiro, da soma o da corsa, o li lascia comunque senza custodia, anche se non siano disciolti, o li attacca o conduce in modo da esporre a pericolo l'incolumità pubblica, ovvero li affida a persona inesperta;

2. chi aizza o spaventa animali, in modo da mettere in pericolo l'incolumità delle persone.

-----------------------

(1) Vedi l'art. 115, D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285, nuovo codice della strada.

(2) La contravvenzione prevista in questo articolo non costituisce più reato ed è soggetta a sanzione amministrativa, ai sensi dell'art. 33 della L. 24 novembre 1981, n. 689. Vedi, anche, il secondo comma dell'art. 38 della suddetta legge.

(3)L'originario termine «pena» è stato così corretto a seguito alla depenalizzazione disposta dall'art. 33, L. 24 novembre 1981, n. 689.

 

DOMANDE E RISPOSTE

  • L'obbligo di cui all'art. 672 c.p. sorge anche per colui che ha la semplice detenzione dell'animale?

Sì, in tema di omessa custodia di animali l'obbligo sorge ogni volta sussista una relazione di possesso o di semplice detenzione tra l'animale e una data persona. La giurisprudenza ha più volte chiarito che l'art. 672 c.p. relazione l'obbligo di non lasciare libero l'animale o di custodirlo con le debite cautele al possesso dell'animale, possesso da intendersi come detenzione anche solo materiale e di fatto senza che sia necessario che sussita una relazione di proprietà in senso civilistico.

  • Nell'ipotesi n. 1 prevista dall'art. 672 c.p. occorre l'accertamento della pericolosità dell'animale?

?No, non occorre l'accertamento della pericolosità dell'animale : è sufficiente l'abbandono o l'inadeguata custodia in luogo aperto. In tal caso la pericolosità è presunta in quanto si deve intendere derivante dal fatto stesso di lasciare senza o con inadeguata custodia ad esempio animali da corsa, da tiro o da soma, in rapporto all'indole degli stessi che li rende non pericolosi, per la loro particolare natura, solo quando siano convenientemente custoditi.

  • Che tipo di reato è?

Il reato di cui all'art. 672 c.p. è reato istantaneo ad effetti permanenti che cessano con la rimozione della situazione di pericolo per l'incolumità pubblica.

Infatti l'art. 672 c.p. configura tre fattispecie criminose: lasciar liberi, custodire senza le debite cautele e affidare a persona inesperta animali pericolosi.

  • Consuma il reato di cui all'art 672 c.p. colui che ad esempio tiene un cane lupo da guardia libero e slegato in luogo con visitastori?

La giurisprudenza ha  configurato consumato il reato di cui all'art. 672 c.p. nel caso di colui che, nella sua dimora, tenga un cane lupo da guardia di grossa taglia, slegato e privo di museruola, quando al medesimo sia possibile portarsi all'ingresso, nella portineria e in ogni altro luogo ove siano ammessi visitatori, per tal modo esposti al rischio di improvvisi assalti. (Cfr. Cass. 17 marzo 1980 n. 684). 

  • Quale tipo di reato si configura nel caso di lesioni cagionate da animali incustoditi?

Nel caso di lesioni cagionate da animali incustoditi la contravvenzione in argomento concorre con il delitto di lesioni personali colpose. 

  • L'omessa custodia di vacche da latte costituisce contravvenzione di cui all'art. 672 c.p.?

?Le vacche da latte, poichè sono il frutto di una selezione e di un sistema di allevamento che ne esclude ogni diversa utilizzazione, non possono considerarsi animali da tiro, soma o corsa. Pertanto non costituisce contravvenzione l'omessa custodia di animali. (Cfr. Cass. 20 maggio 1960).